Arriverà un tempo in cui le città si prenderanno cura di te e si riveleranno la tua isola che non c’è…il beauty sarà express: spa-capsule nel tuo giardino e galattici air-lab nel quartiere per riossigenarsi all’istante. Oggi però, cara Bridget Jones che è in te,la vita è meno friendly e più inquinata che mai. Non solo dai chili di troppo, malsane abitudini e drammi amorosi ma anche dallo smog e dalle radiazioni IR di pc e smartphone, amiche dei tuoi pasticci digitali.

Niente shock, iniziamo con un’efficace lezione di chimica per proteggere pelle e capelli da inquinamento&co.

Lo smog si comporta da catalizzatore, è la miccia quindi che accende i processi ossidativi di enzimi e proteine oltre, che favorire la perossidazione dei lipidi di membrana e il deficit energetico(ATP), generando così i temutissimi radicali liberi. Colorito spento e giallastro, stress cutaneo, screpolature, macchie, disidratazione e invecchiamento precoce sono i lati oscuri dello smog. Ma anche i capelli cambiano umore nelle grandi metropoli: perdono proprietà sensoriali al gioco con nebbia e fumo e sembrano non sprizzare gioia da tutte le cuticole, soggette a ossidazione di amminoacidi, ed infine, mettono su sebo.

La city life ci porta a dimostrare in media un anno in più e consuma le nostre difese antiossidanti con la voracità di chi arriva da un digiuno sciamanico di almeno 3 giorni. E noi come te Bridget non possiamo proprio permettercela questa generosità…

Cosa fare? Avere una seconda vita in stile urban cosmetic che prevede cambi di prodotti alla hayagawari! aDi giorno, per viso e capelli, una detergenza anti-pollution, spray protettivi, creme filmogeni e antiradicaliche ad effetto encantado immediato. Si sa che bastano 7 secondi per far colpo…Rigeneranti e detox la notte, con maschere riparatrici e impacchi rivitalizzanti che al risveglio aggiornino il tuo ego inquinato.

John Paul Young cantava ‘Love is in the air’, noi per ora ‘Smog is in the air’ ma con un pizzico di love in più, per le nostre città e per noi, qualcosa potrebbe cambiare.

 

Devi essere connesso per inviare un commento.
Menu